Autore: Tiziana

Gemini

Ed ecco il risultato di stamattina! Sapevo che mi avrebbe fatto dannare ma alla fine ci sono riuscita. L’elmo di Gemini, il più bello, a mio avviso poiché esprime l’eterno dualismo dell’animo umano. In bilico tra bene e male, luce ed ombre. Con un richiamo al teatro greco con le maschere. Carboncini su carta ocra.

C’era una volta una bambina che amava trascorrere interi pomeriggi a guardare i suoi eroi preferiti in tv, considerandoli i suoi migliori amici. Le bambine della sua età giocavano con le Barbie, a provare vestiti e trucchi ma lei no…leggeva di mitologia greca, di astronomia, di arte, di storia, di astrologia, di viaggi lontani, desiderava con tutta se stessa visitare il Partenone di Atene per immaginare la statua d’oro di Fidia. Grazie alla sua fervida fantasia si immergeva in un mondo lontano, dove per magia indossava una lucente armatura, pronta a lottare per la giustizia. Non dimenticando la sua natura femminile, sognava un giorno di incontrare un cavaliere senza macchia e senza paura pronto a difenderla , il tempo trascorse e la bambina divenne donna, tante cose cambiarono ma non il suo amore per i Cavalieri dello zodiaco. 

Categories: Diario Tags: Tag:,

Sagittario e sanguigna

Ormai sono preda delle matite carboncino sanguigna, seppia e il bianco devo  pur provare il blocco nuovo che ho comprato no??!! Come soggetto ho scelto l’elmo dell’armatura del sagittario, personaggio caro e noto agli amanti del cartone animato I cavalieri dello zodiaco. In effetti è un buon modo per esercitarsi nella copia dal vero e contemporaneamente studiare il colore. 

Acquarius hair of sunshineee

Stamattina ho iniziato a sperimentare le tecniche secche, matita sanguigna e seppia con il carboncino bianco. sul nuovo blocco giallo ocra della Canson. Mi è partita la fantasia con l’armatura dell’acquario (un segno a caso ovvio!!) da buona amante dei cavalieri dello zodiaco!!! Non oso immaginare altri disegni…. sarà tutto ocra!!!!!

Categories: Fan art Tags: Tag:,

Arte mon amour!

Sono davvero contenta perchè sono riuscita, dopo tanta attesa, a prendere questo libro! L’autore è molto bravo nel divulgare, con ironica intelligenza concetti artistici seri, che talvolta….diciamolo possono risultare noiosi ai profani del settore! Lessi o meglio studiai con vivo interesse il suo libro precedente, a piedi nudi nell’arte (omaggio al film a piedi nudi nel parco trooooppoooo bello, se non lo avete visto vi consiglio di farlo…Robert Redford è meraviglioso!!!) senza mai annoiarmi ma anzi dispiacendomi tantissimo per averlo finito. Una tragedia quando trovi un bel libro e non sai poi come sostituirlo. Ho iniziato a “sleggiucchiare” qualche pagina sorseggiando un orzo caldo e….me piace! La figura della donna nella storia dell’arte è stata offuscata dalla ragione maschile ma fortunatamente negli ultimi anni la si sta scoprendo o riscoprendo in alcuni casi. Io nel frattempo diventerò Tizzy Jones alla scoperta del libro trovato!!!!

Categories: Diario Tags: Tag:, ,

In punta di scarpette

La vita della piccola Cloè trascorreva serena con il variare delle stagioni, certo l’inverno erano pesante da sopportare ma quando giungeva la primavera tutto si trasformava, ed allora la gioia s’impossessava del suo piccolo cuore. Per andare a scuola doveva percorrere un lungo tratto di cammino tra sentieri innevati e per sentire meno freddo  immaginava di trasformarsi nella principessa delle nevi! Cloè, era una bambina allegra, solare e sognatrice. Osservava il mondo circostante con grandi occhi curiosi e brillanti per imparare quanto più poteva!

Un giorno, i suoi insegnanti avevano accompagnato le scolaresche a teatro dove avrebbero assistito al balletto “Lo schiaccianoci”. Cloè era trepidante perché amava la danza ed avrebbe voluto realizzare il suo sogno, diventare “etoile” e poter ballare su di un grande palcoscenico, libera di volare ed esprimere il suo cuore. Scende il silenzio. Nell’aria si odono le prime note, ora è lei la prima ballerina, ipnotizzata dal palcoscenico osserva lo schiaccianoci a forma di soldato che viene donato alla protagonista dal mago, la fata confetto, la battaglia tra i topi e i soldati del principe schiaccianoci. E come in tutte le favole il lieto fine è d’obbligo. L’esercito del principe sconfigge quello dei topi.

Il suo sogno non finisce perché a distanza di tempo, guardandosi allo specchio, adulta, ricorda la piccola sognatrice che con tanti sforzi ha infine realizzato il suo più desiderio. Ballare in punta di scarpetta.

Categories: Galleria Tags: Tag:,

Banane… artistiche!

Chi lo avrebbe mai detto che andando dal fruttivendolo si potesse comprare arte? Mi diverte un mondo, la geniale, idea della chiquita che ha deciso di trasformare opere famose in banane!! Certo si saranno ispirati alla chiacchieratissima opera, la banana appesa al muro, di Cattelan! A ben riflettere la frutta e la verdura furono usati dall’Arcimboldo qualche secolo fa, famoso il quadro “Il vertunno” e poi ripreso in pubblicita negli anni 90′ da una nota marca di sott’aceti. Voglio vedere se mi riesce di trovarla…conserverò il bollino ma il frutto lo mangerò così come fu per l’opera originale.

Categories: Diario Tags: Tag:,

Monet a Venezia!

No Comments

 Quando non vuoi pensare alla tecnica, alle linee ma solo liberare il cuore si usa il colore. Chissà cosa pensava Monet mentre dipingeva a Venezia….sicuramente alla luce, dal momento che era la sua “ossessione artistica”  e per te lettore?

Categories: quadri Tags: Tag:, ,

il battello ti porta via

Le bateau atelier Monet 1876

Oggi guardando questo magnifico quadro, del mio pittore preferito Monet, mi viene spontaneo immaginarmi di essere lì, a navigare su quelle tranquille acque a dipingere. Ascoltando il rumore del vento tra le fronde degli alberi, il cantare degli uccellini, sentire l’odore dei colori ad olio mescolarsi al profumo delle acque salmastre. Accarezzato da un tiepido sole…. ecco vorrei che la barca mi portasse via lontana da tutto. Un modo abbastanza alternativo di trascorrere la befana visto che diluvia ma con la fantasia si sa tutto è bello! E voi dove vorreste essere ora?

Categories: Diario Tags: Tag:, ,