Tag: illustrazione

Tutto quello che so l’ho imparato dal mio gatto

No Comments

Tutto quello che so l’ho imparato dal mio gatto

 

Un libro scritto e illustrato da Suzy Becker edito da Rizzoli, racconta attraverso spassosissimi disegni la convivenza con un gatto e di conseguenza il rapporto speciale che si crea. Mi è piaciuto molto non solo per i disegni, l’ironia e l’allegria che sprizza da ogni pagina, il test all’inizio del libro è troppo carino, mi sono fatta un sacco di risate perché è sacrosantamente vero!!!! La cosa più importante è il concetto di base ovvero il rispetto per gli animali, le persone dovrebbero capire prima di donare un animale che non regalano un oggetto ma un essere vivente con le proprie necessità. Una responsabilità che dura per la vita. Lo consiglio come regalo ai bambini per farli apprendere in modo divertente!

La sirena

No Comments

Illustrazione sirena

 

Questa illustrazione è nata in un giorno di freddo, non so perché ma d’inverno disegno sirene, mare, pesci e tutto ciò che ricorda l’ambiente marino sarà che mi piacerebbe vivere sott’acqua!

la sirena a pastelli morbidi e carbothelli

Mi metto all’opera e prendo un foglio di carta ruvida perché voglio vedere come si comportano i pastelli morbidi, per intenderci hanno l’aspetto dei gessetti ma sono molto pigmentati, morbidi al tatto, (tutto il contrario dei contè che possono essere utilizzati per rifinire i contorni, poi ne parlerò più avanti) uso la marca Jaxell. Davvero ottimi li ho usati anche su altri supporti, tipo cartone telato per fare un regalo di battesimo! Su carta liscia ma…non mi ha soddisfatto tende a “sfuggire”, preferisco l’effetto sfumato del ruvido! Tornando alla sirena in questione (poverina poi si offende!!! Sono permalose hhahahahah) ho iniziato a disegnarla con la matita carboncino carbhotello ocra, poi ho iniziato a stendere i vari colori, il blu dei capelli, il verde, il giallo per illuminarli pensando ai raggi del sole che filtrano attraverso il pelo dell’acqua e la colpiscono. Gli occhi sono il punto che ho amato in modo particolare perché ha un’espressione indefinita, un luccichio di colori marini, sfumati con la matita nera ed un tocco di terra per non rendere troppo aggressivo il contrasto. Il verde dell’orecchio con il giallo, una punta di rosa, usato anche per l’incarnato soffuso, questa è la parola d’ordine dell’illustrazione. Mentre l’acqua ticchettava fuori alla finestra, io mi perdevo nei miei pensieri… la cosa buffa mentre disegnavo mi accorgevo che lentamente stava prendendo forma la dea celeste Ceres, non so se avete letto o visto  ”Ayashi no Ceres”, una storia bellissima!!! L’adoro, questo per ribadire il concetto che siamo influenzati inconsciamente da immagini già viste!!! Avrei potuto cambiarla certo ma…alla fine perché cancellare un’espressione del cuore? Infine una volta terminata lo sfondo scuro per farla risaltare, con un rosso-arancio ed una punta di ocra, un colore che si sposa alla perfezione con tutto, non dimenticatelo perché scalda, illumina, alle volte se usato correttamente definisce insomma è il prezzemolo di tutte le minestre!!! Mi sono sfiziata alla grande usando questi pastelli, bastano pochi tocchi per “campire” grandi zone, si mescolano molto bene tra loro, avevo voglia di lasciare andare la mente nel colore!!! Penso che ogni artista abbia una preferenza cromatica, riflettendoci alle volte le scatole di colori ti impongono una determinata scelta ma se ogni artista prende i colori sfusi, si crea la propria tavolozza cromatica unica ed inimitabile. La personalità esce sempre fuori è inevitabile o sono io ad essere indisciplinata!!! Hahahahahah un pochino!!!! A parte questo prendete la matita e iniziate a disegnare e…non dimenticate la lacca per fissare le polveri.