Tag: matite

Matita f

La matita f ha una mina dura che ben si presta al disegno tecnico, ai dettagli, i tratteggi, a impostare le tavole e i personaggi. Non sbava, si sfuma facilmente ottenendo un grigio chiaro anche ripassandolo più volte non ci si sposta da suddetta gradazione cromatica. Non ha la varietà della sia sorella più grande…La matita hb! La consiglio quando volete disegnare sogni o emozioni soavi 💖

Categories: Tutorial Tags: Tag:,

Illustrazioni in mente

No Comments

Stamattina prima di pranzo per rilassarmi un poco ho preso il blocco per acquerello, le matite inktense ed ho schizzato questa ragazza, senza impostare con la matita hb tutto senza gomma inoltre mi trovo comodissima con il pennello serbatoio della pentel è fantastico, bisogna fare una statua all’inventore!!!🤣🤣🤣🤣 il pensiero mentre disegnato era rivolto alla mia illustratrice preferita, Akemi Takada 💜 adoro come usa il colore, leggero, soave, sfumato. Penso proprio che in estate la studierò bene bene!!!

Categories: Diario Tags: Tag:, , , ,

Chobin

No Comments

Oggi su instagram sono stata taggata in un gioco troppo sfizioso ovvero #noerasechallenge si disegna un personaggio usando la matita senza usare la gomma! Cosa buffa ho iniziato a canticchiare la sigla di Chobin principe stellare😄 quindi… eccolo qua 💙

 

Inktense

No Comments

Matite Inktense

Le matite acquerellabili inktense della Derwent sono davvero ottime! Parto subito con il dire che le uso già da un bel po di tempo, vi consiglio di guardare la sezione schizzi per notare gli effetti che si possono ottenere. Hanno la resa degli inchiostri, da qui il nome inktense e si rifanno all’arte orientale per cui si prestano benissimo al disegno manga! Io ho la scatola da 72 colori ma vi posso assicurare che con la tradizionale  da 12 colori potete ottenere risultati soddisfacenti poiché si miscelano benissimo tra di loro creando tante tonalità. Provatele non solo sulla carta da acquerello sia di media che alta grammatura, ruvida per un effetto sfumato invece sulla carta liscia per un effetto più definito.Basta pochissimo colore usato con la matita per “campire” spazi ampi, sfumandolo fino ad ottenere la trasparenza del tradizionale acquerello. Un’altra caratteristica consiste nella possibilità di eseguire “velature” di colore in momenti diversi senza “impastare” il colore steso in precedenza, cosa che con le normali matite acquerellabili succede.Osservate il disegno sopra: ho colorato il foglio direttamente con le matite, sfumato con l’acqua, lasciata asciugare ed in un secondo momento prelevando il colore direttamente dalla punta con il pennello ho disegnato i vari soggetti. Noto che variando la pressione del pennello ottengo linee continue e spesse senza faticare!! Insomma una meraviglia 💜 li stra-consiglio 😄 li potete trovare sia nei negozi di belle arti che in rete sono di facile reperibilità sono sicura che non ve ne pentirete!!!

Una dama del medioevo

No Comments

 

Leggendo ultimamente mi viene spontaneo disegnare! in questo caso ho ritratto una dama del quattrocento, con i capelli rossi ed un carattere focoso, per cui ho preso le matite softcolor della stabilo anche se ahimè… sono ormai fuori produzione, non oso immaginare la sciagura di quando finiranno! coadiuvate dalle matite Derwent. Il tocco in più consiste nell’usare i pastelli morbidi della Jaxell. Inutile dirvi che per fissare il tutto ho usato la lacca per capelli a tal proposito poi vi spiegherò cosa mi è capitato!!! Solo io!!!!!

La sirena

No Comments

Illustrazione sirena

 

Questa illustrazione è nata in un giorno di freddo, non so perché ma d’inverno disegno sirene, mare, pesci e tutto ciò che ricorda l’ambiente marino sarà che mi piacerebbe vivere sott’acqua!

la sirena a pastelli morbidi e carbothelli

Mi metto all’opera e prendo un foglio di carta ruvida perché voglio vedere come si comportano i pastelli morbidi, per intenderci hanno l’aspetto dei gessetti ma sono molto pigmentati, morbidi al tatto, (tutto il contrario dei contè che possono essere utilizzati per rifinire i contorni, poi ne parlerò più avanti) uso la marca Jaxell. Davvero ottimi li ho usati anche su altri supporti, tipo cartone telato per fare un regalo di battesimo! Su carta liscia ma…non mi ha soddisfatto tende a “sfuggire”, preferisco l’effetto sfumato del ruvido! Tornando alla sirena in questione (poverina poi si offende!!! Sono permalose hhahahahah) ho iniziato a disegnarla con la matita carboncino carbhotello ocra, poi ho iniziato a stendere i vari colori, il blu dei capelli, il verde, il giallo per illuminarli pensando ai raggi del sole che filtrano attraverso il pelo dell’acqua e la colpiscono. Gli occhi sono il punto che ho amato in modo particolare perché ha un’espressione indefinita, un luccichio di colori marini, sfumati con la matita nera ed un tocco di terra per non rendere troppo aggressivo il contrasto. Il verde dell’orecchio con il giallo, una punta di rosa, usato anche per l’incarnato soffuso, questa è la parola d’ordine dell’illustrazione. Mentre l’acqua ticchettava fuori alla finestra, io mi perdevo nei miei pensieri… la cosa buffa mentre disegnavo mi accorgevo che lentamente stava prendendo forma la dea celeste Ceres, non so se avete letto o visto  ”Ayashi no Ceres”, una storia bellissima!!! L’adoro, questo per ribadire il concetto che siamo influenzati inconsciamente da immagini già viste!!! Avrei potuto cambiarla certo ma…alla fine perché cancellare un’espressione del cuore? Infine una volta terminata lo sfondo scuro per farla risaltare, con un rosso-arancio ed una punta di ocra, un colore che si sposa alla perfezione con tutto, non dimenticatelo perché scalda, illumina, alle volte se usato correttamente definisce insomma è il prezzemolo di tutte le minestre!!! Mi sono sfiziata alla grande usando questi pastelli, bastano pochi tocchi per “campire” grandi zone, si mescolano molto bene tra loro, avevo voglia di lasciare andare la mente nel colore!!! Penso che ogni artista abbia una preferenza cromatica, riflettendoci alle volte le scatole di colori ti impongono una determinata scelta ma se ogni artista prende i colori sfusi, si crea la propria tavolozza cromatica unica ed inimitabile. La personalità esce sempre fuori è inevitabile o sono io ad essere indisciplinata!!! Hahahahahah un pochino!!!! A parte questo prendete la matita e iniziate a disegnare e…non dimenticate la lacca per fissare le polveri.